Giorno: agosto 16, 2019

Viaggiare da sole..

Agli occhi di molti può sembrare una pazzia ,ma agli occhi di una donna può essere solo coraggio e passione.

Ho 33 anni , e nella vita un po’ per amore di chi mi circonda, un po’ per rassegnazione ho rinunciato a molti sogni, ma se c’è una cosa che ho deciso negli ultimi 7 anni è che voglio viaggiare ,girare il mondo poter mettere migliaia di timbri sul mio passaporto!

Ho iniziato a viaggiare da sola nel 2011, la prima tappa fu in “casa” Firenze ,cinque giorni nella città che tanto adoro (ci sono tornata altre 4 volte) mi ha entusiasmato molto la cosa e ho deciso che ci avrei provato ancora magari in Europa, e visto che ero stata da poco a Londra per la seconda volta ma non avevo visitato la città come volevo decisi che ci sarei tornata.. ed è stato a Londra che ho capito quanto amassi viaggiare da sola, svegliarsi quando si vuole ,fare o meno colazione prepararsi come si vuole e uscire vivere la città al massimo senza che nessuno ti dica no ma io non voglio, viaggiare da soli da anche la possibilità a noi stessi di riprendere un po’ quel rapporto complicato che abbiamo con noi stessi..ci permette di ricarburare le energie perse durante l’anno.

Dopo aver trascorso 6 meravigliosi giorni a Londra da sola, ho deciso che ero pronta ,e così è stato dopo Londra ci sono state tante altre città, europee e americane ,sono stata a NY due volte da sola, ho visitato una ghiacciata Chicago e una Boston con le lucine di Natale, sono stata a Washington nell’ultimo mese di presidenza di Barack Obama, mi sono innamorata della storia di Boston e dell’architettura di Chicago , a tal punto da farmi una promessa, visitare tutti gli Stati Uniti prima dei quarant’anni.

Quest’anno mi sono regalata San Francisco, città straordinaria dalle 1000 culture e a breve partirò per Los Angeles e San Diego ,per fine anno vorrei tornare a NY e aggiungere Philadelphia alla lista..

Ovviamente per viaggiare tranquilla da sola evito orari bizzarri e locali particolari, ovviamente un po’ di timore c’è sempre ma conosco me stessa e l’unica cosa che voglio da una vacanza è relax e conoscenza.. studio in ogni minimo dettaglio ogni cosa dei miei viaggi arrivi , dove andare come muovermi ogni minimo dettaglio perché è diventato come una valvola di sfogo, dalla monotonia del lavoro .. quindi pronte per il prossimo viaggio? Destinazione? Beh io LA 😊buone vacanze!

Da che parte stare?

Un vero leader cerca di tenere armonia non fa preferenze e favoritismo è per questo che l’Italia è un paese che sta andando a rotoli, perché non evince la meritocrazia perché se lavori bene vieni surclassato da chi sa fare il lecchino da chi si sa vendere per due spicci in meno..

Quando ho lasciato , anzi rettifico ,sono scappata da un paesino di provincia del napoletano per poi lasciare definitivamente Napoli nel settembre 2003 , l’ho fatto perché avevo visto con i miei occhi come genitori entravano negli istituti a pagare in contanti gli insegnanti per far promuovere i figli , e all’epoca chi pagava erano i cosiddetti figli di nessuno, ragazzi come me, che avevano mamma casalinga e papà lavoratore nei campi, più facevi sacrifici più ti impegnavi e più venivi messo un gradino dietro tutti gli altri perché non eri NESSUNO, le stesse cose le ho viste anche a Napoli ,anche se fortunatamente non le ho vissute in prima persona, e ho capito anzi ero arrivata alla conclusione che era colpa di gente retrograda che non guardava al futuro e di uno stato totalmente assente ! Quando sono arrivata a Milano avevo 17 anni, sogni distrutti in una mano e poche speranze di un futuro migliore ,con gli anni mi sono dedicata anima e corpo ad un lavoro che agli inizi odiavo ,ma che facevo perché mi dava la possibilità di essere indipendente economicamente, e con gli anni i cambiamenti di mansioni mi hanno portato a guadagnare di più, e ammetto che all’inizio di tutti questi cambiamenti mi piaceva molto ciò che facevo ma con gli anni ho capito che anche se guadagni bene o quasi .. se non hai più motivazioni diventa solo una monotonia H24. Però anche se monotono mi sono sempre dedicata anima e corpo al mio lavoro anche quando altri mi dicevano non lo fare che non ne vale la pena… Così mi sono ritrovata a vedere dopo anni le stesse cose di quando andavo a scuola anche se in maniera diversa, io che negli anni ho lottato firmando petizioni scrivendo di questo argomento a più non posso mi sono ritrovata a rivedere ancora una volta i favoritismi sottobanco ,questa volta mascherati a ruffianaggine ,a boicottamento nei confronti dei colleghi , a menzogne da parte dei cosiddetti leader che per 10 euro venderebbero anche la loro anima..

Quindi mi sono posta una domanda, se questo succede sia al nord che al sud , i favoritismi che si facevano e si fanno in piccoli istituti della provincia di Napoli e quelli che si fanno ora in aziende del centro di Milano da cosa sono dettati?

Ovviamente dallo stato in cui viviamo! Perché gli italiani sono un po’ come i bambini guardano a ciò che fanno gli adulti, e in questo caso gli italiani guardano a ciò che fanno i politici, siamo diventati un popolo di omertosi ,bigotti ,immorali e venduti!

Se vediamo qualcosa che non va , una cosa ingiusta ci voltiamo dall’altro lato perché tanto non ci riguarda, pensiamo che per fare carriera ci vogliono le conoscenze , così i ragazzi che fanno sacrifici studiano si pagano gli studi, e si impegnano al massimo verranno sempre emarginati, in aziende dove i lavoratori si fanno in quattro senza fermarsi ,dando l’anima per un lavoro che gli permette di sopravvivere di questi tempi ,si vedono negati i loro diritti ,si vedono surclassare da chi invece non fa niente ma con la faccia tosta riesce ad ottenere ciò che vuole..

Chiedersi da che parte stare in questo paese è quasi inutile, per convenienza direi fate bene a stare tutti dalla stessa parte.. ma personalmente sono stanca di un posto dove non evince il rispetto la moralità la meritocrazia.. io sono per chi ha sbagliato paghi, sono per il lavoro nobilita l’uomo non lo umilia, sono per il “se sai fare le cose vieni premiato” a me la gente che sente di dover ricevere tutto ciò che vuole solo perché ci onora della loro presenza, io sono per il giusto per la MORALE la gente che vende se stessa per avere le cose mi dà la nausea, sono così da quando ero una bambina e non mi pento di essere così, non mi pento di essere cresciuta con dei valori che in ITALIA non vengono rispettati, oggi se vuoi fare soldi facili vai dalla Defilippi fingi una storia diventi famoso e vai con i quattrini a palate , e i giovani cosa imparano da tutti questo?! Niente! Lo sport si sceglie in base alle retribuzioni più alte ed ecco che in Italia vogliono fare tutti i calciatori! La politica è tutto un mangia mangia e ci vanno cani e porci a governare , e si fanno le leggi per i propri interessi ed ecco che tutti gli imprenditori senza cervello votano chi promette di abbassare Irpef ma aumenta l’iva o viceversa tanto l’importante è risparmiare!

Non siamo un popolo che lotta per le cose giuste ,agli scioperi si va al mare si esce a fare shopping, se devi fare una visita se hai i soldi la fai dopodomani se sei povero e devi per forza andare tramite mutua ecco che ti prenotano le visite nel 2020.. Ecco perché la maggior parte delle volte mi sento fuori luogo, a casa come a lavoro come in giro .. ecco perché ogni volta che posso me ne vado all’estero.. perché nella maggior parte delle volte vedo ciò per il quale combatto senza risultati…